IMMAGINARE GRAGNANO

Amate la vostra città come parte integrante, per così dire, della vostra personalità. Voi siete piantati in essa, in essa saranno piantate le generazioni future che avranno da voi radice: è un patrimonio prezioso che voi siete tenuti a tramandare intatto, anzi migliorato ed accresciuto, alle generazioni che verranno. Ogni città racchiude in sé una vocazione e un mistero. … Amatela come si ama la casa comune destinata a noi ed ai nostri figli. Custoditene le piazze, i giardini, le strade, le scuole: fate che il volto di questa vostra città sia sempre sereno e pulito. Sentitevi, attraverso di essa, membri di una stessa famiglia. Non vi siano fra voi divisioni essenziali che turbino la pace e l’amicizia: ma la pace, l’amicizia, la cristiana fraternità, fioriscano in questa città vostra

(La Pira)

RILEGGERE IL PASSATO PER PROGETTARE IL FUTURO

Gli anni del mandato 2009 – 2014 sono stati difficili. La crisi economica che inevitabilmente ha intaccato anche la realtà locale, ha comportato una riduzione delle entrate comunali   a fronte di aumentati costi sociali. Nel contempo si sono registrati anche la diminuzione   di trasferimenti statali, l’aggravarsi dell’incertezza normativa e l’aumento della burocrazia. Stando così le cose l’Amministrazione Comunale   ha deciso di privilegiare i servizi alla persona, alle famiglie e ai soggetti in difficoltà, perseguendo la strada dell’accordo pubblico-privato nell’esecuzione delle opere pubbliche, evitando ulteriori oneri a carico della cittadinanza locale.
Gli anni che ci attendono andranno quindi affrontati con prudenza e accortezza ma anche con coraggio e speranza perché non vogliamo rinunciare al sogno:

La vera generosità verso il futuro consiste nel donare tutto al presente (A.Camus)

A seguito della realizzazione della nuovo tratto di tangenziale sud-ovest con il nuovo ponte sul Trebbia, Gragnano oggi si presenta come una realtà abitativa prossima al capoluogo. Grazie alla nuova pianificazione urbanistica, Gragnano (uno dei pochi comuni piacentini che hanno approvato il PSC e il POC) ha a disposizione un’ampia area a cui destinare insediamenti produttivi nonché aree residenziali, qualora il ciclo economico dovesse imboccare la fase della ripresa. Gragnano è un paese sempre più composto da famiglie giovani e di giovani, le cui esigenze e problematicità   dovranno essere poste dall’Amministrazione in primo piano, sia pure senza ridurre in alcun modo i servizi e le attività offerti negli anni alla popolazione anziana.
La riduzione delle risorse economiche e umane, la burocrazia e l’incertezza normativa richiederanno quindi una forte capacità di lettura dei bisogni “reali” al fine di evitare sprechi e ottimizzare i mezzi a disposizione.
Una situazione del tutto nuova da affrontare e da utilizzare come risorsa, sarà la gestione amministrativa all’interno dell’Unione dei Comuni.

Il quadro descritto fa sì che, nel prossimo futuro, l’Amministrazione Comunale dovrà:

  • proseguire nell’azione di forte integrazione pubblico-privato per l’offerta dei servizi e per la realizzazione delle opere pubbliche
  • favorire sempre più incisive forme di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini
  • saper lavorare in modo efficace ed efficiente nella quotidianità
  • mantenere e se possibile incrementare l’esistente;
  • saper assicurare una corretta e trasparente gestione delle risorse economiche
  • lavorare con onestà.

Le linee prioritarie di intervento saranno:

  1. Partecipazione e cittadinanza attiva, anche attraverso l’adozione di nuovi strumenti quali il “regolamento di amministrazione comune”.
  2. Valorizzazione del patrimonio umano attraverso il sostegno al sistema educativo e alle proposte culturali, sia in termini di strutture che di progetti.
  3. Sviluppo urbano e riqualificazione del capoluogo e delle frazioni.

PARTECIPAZIONE E CITTADINANZA ATTIVA: cittadini amministrati o che amministrano?

Immaginiamo di poter condividere l’azione amministrativa a più livelli impegnandoci a:

  • informare i cittadini di disposizioni, scelte e soluzioni attraverso lo strumento del sito istituzionale già attivo e funzionante e con altri strumenti di comunicazione esterna (es. foglio informativo, bacheca comunale nelle frazioni, rendiconto di metà mandato)
  • consultare/ascoltare i cittadini rispetto alle scelte più importanti ideando forme di consultazione (es. consulta delle frazioni, consulta giovani, delega specifica ad un consigliere per il rapporto con le frazioni, esperienza di “sindaco per una settimana”, momenti dedicati al ricevimento diretto dei singoli per segnalazioni e scambio)
  • collaborare/coinvolgere attivamente i cittadini in processi negoziali tra i soggetti, finalizzati a prendere decisioni condivise e anche alla realizzazione di progetti comuni (es. regolamento per l’amministrazione del bene comune).
  • valorizzare le varie forme di partecipazione con l’istituzione di una “giornata del ringraziamento” dedicata ai singoli e alle realtà commerciali ed economiche che più hanno contribuito a rendere il paese più bello e vivibile.

VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO UMANO: come vivere Gragnano?

In questi anni abbiamo dedicato i nostri sforzi al mantenimento e all’adeguamento dei servizi alla persona con attenzione particolare alle richieste della nostra Comunità. Ci impegniamo quindi a dedicarci, con immutata attenzione, ai bisogni della cittadinanza. In quest’ottica cercheremo di creare occasioni che favoriscano relazioni e scambi in modo da assicurare la soddisfazione dei bisogni primari delle persone, creando una situazione di “benessere” diffuso.

Con attenzione al lavoro

  • Partire dal PSC per pensare ad uno sviluppo delle zone industriali e artigianali, al fine di favorire il più possibile l’apertura di nuove attività che possano garantire l’assunzione di residenti nel nostro territorio.
  • Favorire i produttori locali che intendono attivare iniziative per combattere il carovita o per sostenere la produzione biologica e a KM 0.
  • Promuovere forme di solidarietà collettiva (es. raccolta mobili, vestiti ecc da donare ai residenti di Gragnano in difficoltà) in collaborazione con associazioni di volontariato.

Promuovendo l’istruzione per la crescita dei più piccoli

  • Proseguire nell’opera di ristrutturazione e riqualificazione delle strutture scolastiche che si è già concretizzata in lavori di tinteggiatura, sostituzione di serramenti, razionalizzazione degli spazi e nella riqualificazione energetica (impianto di teleriscaldamento)
  • Adeguare il patrimonio edilizio alle esigenze del sistema scolastico.
  • Continuare ad assicurare la frequenza ai bambini residenti nei diversi servizi di asilo nido e scuole materne statali e private convenzionate
  • —Proseguire nell’organizzazione di centri estivi al fine di supportare le famiglie anche in collaborazione con le associazioni / parrocchie che sono già attive in questi ambiti.
  • —Sostenere sia sotto il profilo organizzativo che economico la realizzazione di progetti scolastici individuati nel POF (piano dell’offerta formativa)
  • —Promuovere iniziative di sostegno alla genitorialità
  • —Continuare a sostenere la partecipazione dei ragazzi ad iniziative e percorsi di cittadinanza attiva e di educazione alla legalità (es. educazione stradale ecc)
  • —Continuare con l’esperienza del consiglio comunale dei ragazzi
  • Offrire corsi per lo sviluppo di specifiche competenze individuali (es. informatica, inglese, musica)

In relazione con i giovani

  • Creare una rete tra amministrazione, associazioni e parrocchie che hanno come finalità la formazione individuale e sociale dei giovani
  • —Continuare l’esperienza del servizio civile nazionale.
  • —Offrire informazioni su attività legate al volontariato nazionale e internazionale
  • —Promuovere la diffusione della Carta Giovani “YoungERCard”, recentemente attivata dall’amministrazione, in cambio di attività di volontariato a servizio della comunità.
  • —Favorire l’aggregazione tra giovani mettendo a disposizione luoghi adeguati (es. proposta Centro Culturale)
  • —Mantenere e sviluppare l’educativa di strada con il coinvolgimento delle istituzioni statali preposte e degli altri enti

Accogliendo gli anziani e le persone con disabilita’

  • Incrementare la frequenza al centro diurno con accordi intercomunali
  • Mantenere e, se possibile, implementare l’assistenza domiciliare
  • Continuare ad assicurare il pasto caldo a domicilio
  • Garantire il trasporto con automezzo attrezzato per chi ne ha bisogno
  • Organizzare pomeriggi di aggregazione per gli anziani (es. cinema, gioco di carte, ecc)
  • Garantire l’assistenza sociale individuale per casi particolari
  • Assicurare supporto per l’istruttoria di pratiche nel campo previdenziale (es. alloggi, affitti, bollette, barriere architettoniche)
  • Assicurare la funzionalità del CUP
  • Continuare a garantire il sostegno al disabile e ai familiari sia in ambiente scolastico, sia a domicilio, agevolandone gli spostamenti verso i luoghi di cura, anche attraverso il convenzionamento con l’ASL e il rapporto con il Distretto di Ponente
  • Monitorare e accedere alle opportunità di finanziamento messi in campo da Provincia, Regione e Stato per la disabilità

Con attenzione alla salute

In seguito all’avvenuta ristrutturazione dell’immobile adiacente alla Chiesa si aprono importanti opportunità di utilizzo a favore della collettività. La struttura potrebbe essere destinata ad uno dei seguenti servizi:

  • Accoglienza temporanea madri in difficoltà;
  • Residenza per adulti fragili,
  • Centro per accoglienza di persone con deterioramento cognitivo. La soluzione dovrà essere presa in accordo con il Distretto sociosanitario di Ponente. Sarà inoltre riproposto ai medici di medicina generale del territorio di istituirvi la medicina di gruppo

Si prevede inoltre di monitorare la rete di defibrillatori sul territorio e formare all’utilizzo.

Promuovendo la cultura

  • —  Proseguire le seguenti iniziative:
  1. il Val Tidone festival
  2. il festival “L’ultima Provincia”
  3. la manifestazione “Orzorock”
  4. gli eventi volti favorire l’incontro fra le culture
  5. le attività della biblioteca comunale e le attività collegate con la convenzione di interscambio tra biblioteche
  6. Il cinema all’aperto
  • Promuoveregli incontri musicali, le visite a musei, la partecipazione a spettacoli teatrali e gli eventi culturali assimilabili ad esperienze di Università della terza età
  • —Collaborare con le associazionipresenti sul territorio per la promozione di vari eventi culturali al fine di rendere attiva la cittadinanza.
  • —Continuare ad assicurare il servizio di bibliotecacomunale
  • —Ricercare spazi idonei per ospitare una futura “Casa delle associazioni”
  • —Mantenere i corsi di alfabetizzazione per stranieri al fine di migliorare l’integrazione nella nostra comunità

Valorizzando lo sport e il tempo libero

  • Valorizzare tutte le forme associative che si occupano di sport
  • —Promuovere attraverso il CONI la partecipazione a sport alternativi (es. ”Sport in piazza” iniziativa rivolta alle scuole)
  • —riqualificare gli impianti sportivi comunali—
  • ridefinire l’attuale convenzione per la gestione della piscina
  • —promuovere insieme alle associazioni la nascita di attività finalizzate al benessere  (es. camminate collettive all’aperto, pedibus per i bambini)
  • —ricercare risorse economiche necessarie alla realizzazione di un “Centro di aggregazione sportivo polifunzionale” per soddisfare esigenze sportive e di incontro sia durante l’attività scolastica che extrascolastica. In attesa dei canali di finanziamento a ciò finalizzati, l’amministrazione intende favorire lo svolgimento delle attività sportive attraverso il convenzionamento con strutture già esistenti sul territorio.

SVILUPPO URBANO E RIQUALIFICAZIONE: come abitare Gragnano?

In sicurezza

  • Favorire lo sviluppo di relazioni di vicinato connotate da rapporti di attenzione reciproca e solidarietà, sollecitando i cittadini a segnalare le situazioni critiche collaborando per il controllo del territorio
  • Promuovere la nascita sul territorio di un gruppo di volontari per il controllo ambientale e di azione in caso di eventi atmosferici straordinari.
  • Proseguire l’Educazione stradale rivolta agli alunni delle scuole del primo ciclo
  • —Mantenere gli incontri antitruffa soprattutto con gli anziani.
  • —Migliorare la sicurezza dell’accesso agli edifici scolastici.
  • —Mettere in sicurezza via Roma nell’intersezione con strada Crevosi
  • —Mantenere l’efficienza della rete irrigua del territorio per garantire la regimazione delle acque.
  • —Posizionare autovelox in punti strategici e assicurare una maggiore presenza di vigili e forze dell’ordine
  • Illuminare le zone periferiche del paese.

Tutelando il territorio

  • Potenziare la manutenzione ordinaria del verde pubblico e dell’arredo urbano
  • —Verificare puntualmente il rispetto dei requisiti obbligatori di efficienza energetica e sostenibilità ambientale per i nuovi insediamenti produttivi /residenziali o per la loro ristrutturazione
  • —Controllare lo stato delle alberature e prevedere eventuali sostituzioni.
  • —Promuovere la tutela e valorizzazione del patrimonio edilizio esistente, soprattutto rurale.
  • Riqualificare l’area ecologica.

Programmando lo sviluppo urbano

L’Amministrazione, nel precedente mandato, ha predisposto tutti gli strumenti di pianificazione previsti dalla normativa in vigore per gestire lo sviluppo del territorio e mettere in campo nuove opportunità insediative. Con l’approvazione del PSC, del RUE e l’adozione del POC, si è infatti completato il pacchetto degli strumenti urbanistici, la cui impostazione riflette quanto prefigurato nel programma 2009-2014:

  • rispettare e valorizzare il contesto agricolo che connota il nostro territorio;
  • garantire che lo sviluppo della componente residenziale avvenga in corrispondenza di un adeguamento dei servizi;
  • qualità dell’ambiente urbano, sia negli spazi pubblici che in quelli privati

La sfida quindi è quella di:

  • garantire uno sviluppo armonico ed omogeneo del tessuto urbano, evitando fenomeni di dispersione
  • monitorare la pianificazione attuativa nel rispetto delle norme fissate nel POC e nel RUE.
  • porre attenzione al tema del recupero dei fabbricati esistenti individuando incentivi volti a favorire queste tipologie di interventi.

Promuovendo la qualità urbana

Gli investimenti in opere pubbliche saranno sostenuti prevalentemente con entrate comunali derivanti da oneri di urbanizzazione e di escavazione, senza rinunciare alla costante ricerca di linee di finanziamento attraverso la partecipazione a bandi europei, nazionali e regionali. Pertanto, in considerazione della prevedibile scarsità di risorse derivanti da trasferimenti nonché dagli impedimenti derivanti dal patto di stabilità, la programmazione delle opere pubbliche andrà di pari passo con le entrate disponibili.

  • Assicurare la manutenzione del manto stradale e il rifacimento della segnaletica.
  • Migliorare l’illuminazione pubblica anche con le nuove tecnologie (tipo led)
  • ristrutturare il Centro Culturale in modo da renderlo fruibile per iniziative di carattere ricreativo anche ad uso delle realtà del territorio. A questo fine sono già in corso contatti con la fondazione di Piacenza e Vigevano per l’acquisizione di un contributo finanziario.
  • —Riqualificare Piazza Verdi con una nuova pavimentazione di fronte a Villa Marchesi grazie alla compartecipazione di fondi DUP (Documento Unico di Programmazione regionale)
  • —Mettere in sicurezza l’intersezione stradale tra via Roma e strada Crevosi (ingresso Coop).
  • —agevolare la fruizione del parco regionale del Basso Trebbia: in collaborazione con l’Ente Parco si migliorerà l’accesso da Via Guerralunga con nuova cartellonistica e ripristino di siepi e alberature
  • Riqualificare le frazioni e in particolare:
    • A Casaliggio si valuterà insieme ai referenti della frazione l’opportunità della realizzazione dei marciapiedi sulla provinciale. Si valuterà la realizzazione di un parcheggio auto o, con un eventuale accordo privato-pubblico, l’utilizzo di parcheggio esistente.
    • Si procederà alla realizzazione della pista ciclabile Casaliggio-Gragnano
    • In base all’accordo pubblico privato siglato in data 28/12/2013grazie al quale l’opera verrà realizzata senza oneri a carico della fiscalità generale
    • A Gragnanino: si realizzerà il parco lungo il rio Loggia con accordo pubblico/privato come previsto dal Piano Operativo Comunale. Si completerà la pista ciclabile Gragnanino-Pilastro
    • Si realizzerà la pista ciclabile tra lo stabilimento Berni-Gragnanino con accordo pubblico/privato già siglato in data 22/12/2006
    • A Campremoldo Sopra si avvieràuno studio di fattibilità della messa in sicurezza della strada comunale all’interno del centro abitato e il proseguimento della pista ciclabile tra la chiesa e il cimitero
    • A Campremoldo Sotto, a completamento dei lavori già svolti (asfaltatura), si procederà a riqualificare la zona antistante la chiesa con la realizzazione di una piazzetta e del relativo collegamento pedonale.

 

 

 

Leave a Comment